Re Pomodoro

RePomodoro

Re Pomodoro

Un modo per iniziare bene un articolo sul Cibo? Ce l’ho!

Il frutto dell’estate (già, perché è un frutto a tutti gli effetti, secondo la definizione botanica), importato in Europa dalle Americhe dal “buon” Hernàn Cortés nel 1540, è quello che secondo me rappresenta al meglio questa stagione.

Ma vi siete mai chiesti perché questo frutto rosso come sangue (e non bianco come il latte!) si chiama Pomodoro?

Il motivo è più semplice di quello che si potrebbe immaginare. Infatti il pomo d’oro, originariamente non era rosso ma giallognolo, oltre che dalle dimensioni più ridotte rispetto ai pomodori attuali e la denominazione, risalente al 1544, è a opera dell’umanista e medico Pietro Andrea Mattioli che lo definì mala aurea, tradotto poi letteralmente in italiano in Pomodoro.

E voi avete un frutto che vi rappresenta l’estate?

 

L’inizio del Viaggio

Questo è il primo articolo.

In quanto tale ha una grande responsabilità, soprattutto perché è quello che verrà sorpassato dagli altri che lo seguiranno, ma ha il compito di raccontare (brevemente eh!) cosa voglio fare in questo blog.

Parlare di Cinema, anzitutto. Il Cinema da spettatore, ma anche da chi vorrebbe farlo, lavorandoci.

Parlare di Libri, altra mia grande passione (che se spesso manca il tempo materiale per poter leggere), con qualche consiglio per la lettura.

Parlare di Arte, condividendo qualche opera che amo, con relative info sull’Autore e l’Opera stessa.

Parlare di Luoghi, quelli in cui vivo e quelli che visito, perché in ognuno dei nostri paesi c’è qualche perla nascosta che merita di essere portata a conoscenza di tutti.

Parlare di Cibo, perché è parte della nostra vita -soprattutto perché siamo in Italia, la patria del mangiar bene- e in ogni luogo c’è qualcosa di buono da gustare. E poi una cronistoria dei ristoranti in cui si mangia bene non fa male!

Quindi che si fa? Ovvio, si parte!

young game match kids

Photo by Breakingpic on Pexels.com